Grazie Procida

“La scelta difficile e coraggiosa che facemmo non ci ha premiato,anzi ci ha escluso dal parlamento.Era una ipotesi che valutammo all’epoca della nascita di FLI e proprio per questo fa onore a tutti coloro che hanno seguito quel progetto.Io continuerò a svolgere con passione ed impegno il ruolo di riferimento delle persone che lo vorranno ad iniziare dai miei splendidi concittadini procidani che,in una elezione di grande cambiamento nazionale,mi hanno confermato la loro fiducia con una percentuale ” pazzesca” di circa il 27%. GRAZIE! GRAZIE!GRAZIE!

Agli amici napoletani e campani ( a quelli veri non agli accattoni e ai truffatori ……..) confermo la mia vicinanza ed il mio impegno ad appoggiarli nelle loro battaglie territoriali.”

Luigi Muro

Luigi Muro Candidato alla Camera dei Deputati Collegio Campania 1 Elezioni Politiche 24 e 25 Febbraio 2013

Luigi Muro Candidato alla Camera dei Deputati – Collegio Campania 1 Elezioni Politiche 24 e 25 Febbraio 2013

FLI: “Vogliamo un’Italia unita, rispettata e competitiva nel mondo”.

FLI: “Vogliamo un’Italia intransigente contro corrotti ed evasori”

MURO (FLI): NON FIRMO PIÙ ORDINI DEL GIORNO PRO-ESODATI: NON MI VA DI PRENDERE IN GIRO LA GENTE!

Roma, 20 novembre : Il relatore della legge che ha tentato di raddrizzare la complessa vicenda  dei cd. esodati, Luigi Muro, ha rifiutato di sottoscrivere ordine del giorno in favore degli esodati dopo l’esito negativo dei tentativi effettuati in seno alla legge di stabilità. “Non ho condiviso i toni trionfalistici dei relatori della legge di stabilità che, la settimana scorsa, hanno annunciato “di aver risolto il problema degli esodati” dando illusorie speranze a tanta gente che vive  in trepidazione e difficoltà. Il mio ruolo di relatore dell’unica legge che poteva risolvere il problema  mi ha sempre imposto di avere posizioni moderate e improntate a notizie serie e verificate.  la verità che, nonostante l’impegno della Commissione lavoro ed in parte del  governo, non vi è una chiara volontà di risolvere il problema e quindi non ho intenzione di alimentare altre speranze sottoscrivendo ordini del giorno che, come quelli precedenti, rimarranno inascoltati. Non condivido nemmeno quei partiti che, strizzando l’occhio tra il detto e  non detto, fanno intendere ai lavoratori che dopo le elezioni ci sarà la “controriforma ” della riforma delle pensioni”. Conclude MURO

FLI: VENERDI’ 23 NOVEMBRE MURO E DI BIAGIO INCONTRANO DEIULEMAR

Venerdì 23 Novembre il coordinatore della Regione Campania di Futuro e Libertà, Luigi Muro e il deputato di Fli, Aldo Di Biagio, incontreranno presso la sede regionale a Napoli, alle ore 17:30, gli obbligazionisti Deiulemar. L’appuntamento è stato organizzato per cercare di dare visibilità ad una vicenda pressoché indecente, trovare quindi una soluzione e dare una risposta alle famiglie truffate.

MURO (FLI) : PROBLEMA ESODATI NON E’ RISOLTO, QUALCUNO MENTE.

“Il problema esodati non è stato ancora risolto. Chi dice il contrario mente”. Così il deputato Fli e relatore alla Camera della legge esodati, Luigi Muro, che aggiunge: “L’emendamento approvato in Commissione Bilancio non risolve i problemi ‘seri’ e sminuisce il lavoro svolto in Commissione Lavoro”. “Nelle prossime ore valuterò se dimettermi dall’ incarico di relatore in quanto ritengo la questione degli esodati una cosa seria. Ho assistito a troppi giochetti che rischiano di mandare sul lastrico tante famiglie”, conclude Muro.

COMMERCIO ESTERO: MURO (FLI), GOVERNO ASSICURI ASSUNZIONE VINCITORI CONCORSI ICE.

(AGENPARL) – Roma, 31 ott – “Il Governo deve intervenire per assicurare in tempi ragionevoli l’assunzione dei vincitori del concorso bandito dall’Istituto per il Commercio con l’Estero”. Lo afferma il deputato di Fli, Luigi Muro, in un’interrogazione a risposta immediata rivolta al ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera.
“Nel 2008 la Presidenza del Consiglio dei Ministri autorizza l’ICE a bandire concorsi per l’assunzione di 360 unità, pubblicando, in seguito, la graduatoria definitiva con i 107 vincitori, ma solo nella primavera 2011 vengono autorizzate le prime quattro assunzioni che arrivano a 11 nell’estate 2012 – spiega Muro –. Dopo poco l’ICE viene soppresso e al suo posto viene istituita l’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, ente sottoposto ai poteri di indirizzo e vigilanza del Ministero dello sviluppo economico che – continua Muro – reintegra i 450 dipendenti ex-ICE e colloca 140 dipendenti in esubero in mobilità presso il MISE. Alla nuova Agenzia viene comunque rimandato l’onere di proseguire le assunzioni concorsuali, generando un turn over che rende i tempi di attesa dei vincitori del concorso a dir poco biblici e ambigui mentre il governo dovrebbe garantire una risposta certa e dovuta ai vincitori del concorso”, conclude Muro.

PENSIONI: MURO (FLI), SCONTRO ORA NON SERVIREBBE A NESSUNO

(ANSA) – ROMA, 8 OTT – Un ‘cantiere aperto, con tempi determinati e certi ed un perimetro ben delineato’, così il relatore Luigi Muro (Fli) ha presentato il testo sulle modifiche alla vigente normativa in materia di fruizione delle deroghe in materia di accesso al trattamento pensionistico, in discussione alla Camera. Muro ha più volte sottolineato la necessità  da parte del governo di ‘fare uno sforzo’, ma l’intenzione non è quella di andare ad un ‘muro contro muro’.  “ Perché” spiega, “in questo momento non servirebbe alla politica, alle istituzioni, ai cittadini. ‘Sarebbe un guaio per il Parlamento se questo provvedimento fosse affossato”, ha osservato Muro. “Abbiamo intenzione di fare in modo di aiutare il governo a trovare le risorse. Abbiamo pensato che la copertura potesse essere reperita attraverso un’ulteriore tassazione dei giochi on-line. La commissione finanze ci pone altri problemi. Ma noi non ci impicchiamo alla copertura di spese. Siamo disponibili a ragionare. No ad uno scontro tra i partiti. No a uno scontro demagogico e pretestuoso col governo e col ministro Fornero” – ha concluso il relatore – “ Perché questi scontri non pagano. Migliaia di cittadini aspettano segnali da questa aula. Bisogna lavorare seriamente’ per trovare una soluzione”. (ANSA).