ABUSIVISMO EDILIZIO: c’è il Regolamento comunale targato Luigi Muro. SOSPESA UNA DEMOLIZIONE

Staff

Redazione | L’argomento demolizioni non arriverà mai alla parola fine. E così, l’ultima frontiera per sperare di arginare l’effetto dirompente delle ruspe di stato, è il comma 65 della legge regionale n. 5/2013 . Ma per capire l’efficacia di questa novità è bene leggere il dispositivo di sospensione del giudice monocratico de Tribunale di Napoli, la dottoressa Ilaria Napolitano, che ha sospeso una R.E.S.A. in programma sull’isola e che nella motivazione dell’ordinanza si evince come lo stop alla ruspe si basi proprio sulla novità introdotta dal comma 65.
Il giudice dell’esecuzione penale, sciogliendo la riserva del 06/07/2013 premesso che in data 26/03/2015 venivano richieste informazioni all’Uffìcio Tecnico Comunale di Procida con riferimento all’immobile abusivo sito in Procida Lungomare Cristoforo Colombo n° 8 oggetto della RESA 99/2013 emessa nei confronti di omissis, che sono state acquisite agli atti le note n° 4740 del 31/03/2015 e n° 631 del 30/04/2015 quest’ultima corredata dal regolamento attuativo adottato dal Comune di Procida con delibera del Consiglio Comunale n° 56/2013 in esecuzione della legge regionale n° 5/2013; che sussistono i presupposti per sospendere l’ingiunzione a demolire atteso che l’ente territoriale ha in corso la procedura di acquisizione gratuita dei bene al patrimonio comunale; avverso tale procedura pende ricorso al TAR Campania; in ogni caso il Comune di Procida ha adottato il regolamento per procedere alla vendita o alla rassegnazione dei beni acquisiti al patrimonio comunale alle categorie più disagiate; che tale regolamento è stato trasmesso alla Procura Ufficio Esecuzioni per eventuale coordinamento, ritenuto pertanto che tale programma, se attuato, è incompatibile con la demolizione dell’immobile: SOSPENDE … al fine di verificare lo stato della procedura di acquisizione o la destinazione finale del bene acquisito»
Non crediamo ci voglia un interprete della materia per capire il contenuto di questa “sospensione”. C’è una legge regionale, la 5/2013 che “se attuato, è incompatibile con la demolizione dell’immobile”. Siamo davanti ad una svolta. Una svolta importante e seria. Fondata sulle pronunce di diversi tribunali e sulla sospensione di una demolizione. E’ una speranza.

tgprocida.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

PALAZZO D’AVALOS: CITTA’ DELL’ARTE E DEGLI ARTISTI. RITORNA IL PROGETTO DELL’AMMINISTRAZIONE LUIGI MURO

Redazione | A leggere i comunicati stampa, comunicazioni varie e le tematiche da trattare nel convegno che si terrà giorno 16 prossimo presso l’ex chiesa di S. Margherita Nuova, la proposta che verrebbe formulata potrebbe essere la stessa ipotizzata dalla prima Amministrazione Luigi Muro alla fine degli anni ’90, stante gran […]

Subscribe US Now