Monthly Archives: gennaio 2012

MURO (FLI): DIETROFRONT DI CLINI AFFOSSA NAPOLI.

“Oggi è il giorno della verità, il problema dei rifiuti di Napoli deve trovare una soluzione altrimenti l’Italia sarà costretta a pagare una multa da 516 mila euro al giorno. Si pensava fossimo giunti realmente al round finale invece: ‘c’è stato un equivoco sul decreto”. Lo dichiara Luigi Muro, deputato di Futuro e Libertà e coordinatore della Regione Campania, che aggiunge: “Pensavamo il Governo avesse realmente avuto la forza di sorpassare i vecchi veti in tema di rifiuti, veti provenienti principalmente dall’ala leghista e invece il tutto si sta risolvendo in un nulla di fatto”.
“Stando al decreto approvato in CdM, per favorire il trasferimento dei rifiuti da una regione all’altra, sarebbe stato sufficiente un accordo tra i gestori degli impianti, prescindendo quindi l’accordo tra le regioni interessate. Un intervento di non poco conto che avrebbe significato la risoluzione del problema, non solo napoletano, nel breve e lungo periodo”, continua.
“Scopriamo invece che tra le intenzioni del ministro c’è la volontà di non creare ‘conflitti tra le regioni’, quindi l’aspetto innovativo introdotto dal decreto viene meno. Nessun passo in avanti anzi si rimane aggrappati a un vecchio status e al vecchio decreto. Il ministro Clini ci dica se realmente vuole risolvere il problema rifiuti oppure deludere i napoletani per l’ennesima volta”, conclude.

Interrogazione a risposta immediata 3.02004 del 10 gennaio 2012

Interrogazione a risposta immediata 3.02004 del 10 gennaio 2012
Presentata dall’on. Luigi Muro
Risposta in Aula mercoledì 11 gennaio 2012
Iniziative per la salvaguardia delle graduatorie di merito e per l’immediato assorbimento delle graduatorie vigenti da parte del Ministero dello sviluppo economico con riferimento al concorso pubblico a 107 posti bandito nell’ottobre 2008 dall’Istituto nazionale per il commercio estero

Al Ministro dello sviluppo economico.

Interrogazione a risposta scritta – Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Interrogazione a risposta scritta – Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Per sapere – premesso che:

l’art. 35 del decreto c.d. “salva-Italia” attribuisce all’Antistrust la facoltà di esprimere un parere sugli atti “di qualsivoglia amministrazione pubblica” cui la P.A. dovrà necessariamente adeguarsi; in caso contrario l’Antitrust potrà ricorrere al giudice amministrativo impugnando l’atto in presunto contrasto con le norme sulla concorrenza;

l’Antitrust potrà esercitare tale controllo rispetto a tutti gli atti della P.A., ivi compresi i regolamenti, che non sono atti normativi in senso stretto;

inoltre, l’Antitrust potrà avvalersi per la proposizione del ricorso dell’Avvocatura dello Stato, il che potrebbe portare a situazioni di incompatibilità tenuto conto che è sempre la stessa Avvocatura dello Stato che viene chiamata a patrocinare in giudizio la pubblica amministrazione;

GOVERNO – MURO (FLI), ITALIA E’ LEADER EUROPEO NON PIU’ BARZELLETTA

Roma, 11 gennaio 2012 – “Sembrano lontani i tempi delle copertine su Der Spiegel e delle invettive del Financial Times e non si sentono più risatine su mafia, spaghetti e bunga bunga all’ombra della tour eiffel e della porta di Brandeburgo. Una ventata di credibilità era proprio quello che ci voleva”. Lo dichiara Luigi Muro, deputato fli in una nota in merito a quanto emerso nella bilaterale Merkel-Monti. “L’Italia torna ad essere un leader europeo, un partner affidabile non più una barzelletta – conclude –  ci siamo arrivati dopo troppo tempo e solo dopo enormi ma necessari sacrifici”

RIFIUTI. MURO (FLI): CON PIANO SI GIUNGA A NORMALE GESTIONE

“Si spera che attraverso una pianificazione seria del ciclo integrato dei rifiuti e la leale collaborazione tra i diversi livelli di governo, in particolare in merito alle competenze, si riesca finalmente a mettere fine alla politica emergenziale che ha caratterizzato la Campania e nello specifico la città di Napoli”. Così Luigi Muro, deputato di Futuro e Libertà e coordinatore regionale della Campania, commentando il piano per la gestione dei rifiuti in arrivo lunedì a Strasburgo annunciato dal ministro Clini.
“Troppo spesso i cittadini hanno dovuto sopportare condizioni di vita al limite dell’umano e anche grazie alla loro fattiva collaborazione si dovrà normalizzare l’attuale situazione di crisi”, aggiunge.
“Inoltre, il monito delle Corte dei Diritti dell’Uomo che sottolinea come la cattiva gestione della crisi dei rifiuti di Napoli abbia provocato la violazione di alcuni diritti della Convenzione europea non ci sorprende, ma siamo consapevoli che dobbiamo intervenire affinché i napoletani possano tornare a vivere in una città pulita e adeguata agli standard europei”, conclude Muro.